Album in Evaluate – Ozzy Osbourne: Shout

13 Ottobre 2019 0 Di Artis Teatro

In 2010, Ozzy Osbourne ha lanciato “Shout”, il suo decimo album in studio come artista solista e il più essenziale per il caratteristico Firewind & # 39; s Gus G. alla chitarra (in sostituzione del compagno di lunga data, Zakk Wylde, anche se presumibilmente il più efficace veloce).
L'album era stato pubblicizzato in un progetto che suggeriva un album di ritorno, anche se in passato non lo chiamava affatto, ma è stato adottato più efficace tre anni dopo 2007 & # 39; s “Shaded Rain”. Tre anni potrebbero essere probabilmente imparziali, un aiuto a vita nei giorni di Shaded Sabbath, ma è un intervallo piuttosto piccolo tra album che riflettono su Osbourne & # 39; s file monitor dalla metà – & # 39; 90 & # 39; s (prima di “Shaded Rain”, c'erano prima 2001 & # 39; s “Down to Earth” e 1995 & # 39; s “Ozzmosis”, i due album in studio più efficaci nel corso di oltre un decennio). L'Ozzman aveva fatto un sacco di tournée anche negli anni di registrazione più magri, quindi se si supponeva che venisse in soccorso, si deve sorprendere da ciò che era solito tornare.

Se “Shout” doveva essere più un ritorno alla produzione più grande di un ritorno di per sé, consiglio che & # 39; s nella pari di chi guarda. Mi piace, ma personalmente, credevo che “Shaded Rain” fosse complessivamente migliore. Dato che “Shaded Rain” era l'album Ozzy in studio più necessario per perdere l'etichetta di platino negli Stati Uniti, sebbene sereno diventasse oro, potrebbe in effetti possedere imparziale essere visto come una delusione commerciale. Muto, lo possiedo ora briscola non più efficace “Grido” in generale efficace, ma anche i suoi predecessori istantanei, ognuno dei quali ha eliminato il tag platino. In ogni partita, anche se “Shout” ha colpito lo spazio di Amount 4 nei grafici di Billboard, ora non ha più, ma ha raggiunto la caratteristica dell'oro negli Stati Uniti come ha fatto “Shaded Rain” (anche se lo ha fatto in altre località internazionali), quindi se usato per essere destinato ad elevare la performance dell'album precedente, che non si è verificato.

Ha dato il via a un enorme World Tour, a partire dalle date di Ozzfest in Fall of 2010. Ho avuto la probabilità di costruire un sacco di questi reperti, e sono inciampato su Ozzy e la band in fabbricati rari. Gus G. non possedeva la probabilità di risplendere tanto potente quanto doveva possedere nell'album, dal momento che è salito a bordo non appena la scrittura è stata ampiamente eseguita, ma era una pressione da non sottovalutare sulla faccetta. Ozzy tirò fuori alcuni tagli profondi, una cosa che di solito mai fa, come “Killer of Giants” in alcune mostre e “Fire in the Sky” in altri, mentre la band complessiva brillava proprio attraverso le loro routine di allenamento da solista (che ha integrato un'impressionante rielaborazione di Sabbath & # 39; s “Insalata di ratti”). In alcune mostre la sua esibizione vocale era di alto livello; in altri era un po 'traballante. Anche se Ozzy si ostina costantemente a mimetizzarsi in uno spettacolo infernale, io & # 39; di solito l'ho mai visto così … totalmente contento, per mancanza della parola successiva. Ha dato l'influenza che era solito prendere parte a se stesso in questo tour.

Ampio riguardo al tour, però. Ecco una panoramica album serena, no? 39; vero? Quindi cerchiamo di fare hotfoot su “Shout” e di percepire ciò che possiamo percepire. La primissima cosa che ho visto era che la stimolazione è paragonabile a quella di “Shaded Rain”. Due successi apparentemente radiofonici, ogni ottimista, tracciati meravigliosamente nell'ispirazione. Un numero più scuro, più pesante nel terzo slot. Ballate al monitor 4 e otto, con più roba pesante tra e ancora dopo, con la canzone più sperimentale alla 10 th caratteristica (in realtà l'ultima canzone, anche se su “Shout “potrebbe esserci un altro numero, un monitor estremamente rapido e molto discreto chiamato” I Adore You All “, un cenno del capo a Ozzy & # 39; famosa frase di costruzione sul palco ).

Per essere bello, mentre io amo “Shaded Rain” meglio nel complesso, “Shout” ha il pugno in apertura uno-due superiore. Possiedo in ogni caso, queste canzoni radio di cookie cutter sono tra le cose meno convincenti nei loro rispettivi album, ma “Let It Die” e “Let Me Hear You Shout” battono “Non più andare via” e “I Don & # 39; t Wanna Stop “con almeno un piccolo margine. Ozzy ha perfezionato la radice dell'inizio dei suoi dischi con l'aiuto di design di canzoni anthemiche e affermative di intenti nei suoi primi due album da solista. Nessuno di questi appartiene alla classe simile a “I Don & # 39; t Know” e “Crazy Educate” o “Over the Mountain” e “Flying Excessive But again”, ma sembra essere in realtà la sensazione che stanno andando, con le tracce “Shout” che si avvicinano (leggermente) al tag. Muto, il terzo monitor è la forma in cui l'album in realtà prende forma, come un tempo (di nuovo) il caso di “Shaded Rain”. Il nome leggermente tristemente “Soul Sucker” (che, alterato al ancora più ridicolo “Soul Sucka”, era quasi diverso per il titolo dell'album) è di fatto una canzone decente vivida, melodie vocali moderatamente pesanti ed efficaci da Ozzy e meno calcolati rispetto alle due tracce più necessarie. In realtà anche le ballate sono vividi e potenti assi. Se dovessi ridurre due tracce, sarebbe il buco due, ora non sono più le due canzoni più morbide.

La quarta canzone di “Shout” è l'enorme asso nella manica, e l'altro spazio in cui la costruisce l'attualità si confronta favorevolmente con “Pioggia ombreggiata”. Nella mia nota, “Diggin & # 39; Me Down” è il singolo brano più pratico di uno dei due album e quello “Shout” I & # 39; d aggiungi alla lista delle canzoni tradizionali di Ozzy. Incorpora parte della pesantezza di Sabbath, le inclinazioni classiche e il lavoro di chitarra con le dita affrettate del solista Ozzy della generazione di Randy Rhoads e dei valori di produzione contemporanei. Una coppia di melodie più divertenti di Ozzy & # 39; e le voci dal suono più arrabbiato completano testi stanchi del mondo che chiedono fede organizzata (ora non è più ovvio su chi faccia la stragrande maggioranza dei testi scritti su questo album; presumibilmente il produttore Kevin Churko?). “Crucify” è inoltre vivido enorme (ma ora non più così grande perché in un tipo analogo intitolato “Crucify the Unnecessary”, che Ozzy ha cantato su Reduce & # 39; album lanciato intorno allo stesso tempo), anche se “Mettlesome” e “I Need It Extra” sono meno impressionanti.

“Latimer & # 39; s Mercy” è un'altra caratteristica vivida, vivida sperimentale nel campo del design musicale e dell'ambiente. Impressionato da una vera epopea di uno che avrebbe ucciso il suo bambino cronicamente malato, continua una conferenza di canzoni di Ozzy che esplorano emozioni oscure in altri (ala Blizzard of Oz & # 39; s ode a “Mr. Crowley”).

Generale, un album estremamente solido per un ragazzo nel suo quarto decennio di registrazioni ed esibizioni. Non più sul palco del suo lavoro più pratico, né il mio preferito dei suoi lavori più contemporanei, ma con un sacco di grandi canzoni e almeno uno tradizionale per il canone. Le mie più grandi lamentele sarebbero un filler che scompare troppo potente, leggermente troppo formulato in aree (anche se ora non è più trasversale) e – soprattutto – troppo liscio in esso & # 39; s produzione. Una cosa che manca alla maggior parte degli album più contemporanei di Ozzy 39 quando viene messa accanto a lavori precedenti è un suono più crudo e meno raffinato. Speriamo che se l'album in studio Shaded Sabbath promesso si materializzi in 2012, ora non è più efficace caratterizza tutti e quattro gli originali ma in più un tornare a quello stile di suono grezzo. In precedenza, una cosa che stimo di sentire è un album di Ozzy con la formazione “Shout” scritta con la band, ora non più scritta con il produttore e interpretata da la banda. In realtà, sento che un album con Gus G. e Adam Wakeman piccanti sulla scrittura potrebbe attingere alla sintesi silenziosa di acciaio, sensibilità pop e classica che ha reso i primi album di Ozzy con Randy Rhoads, Bob Daisley e Lee Kerslake così particolari.